ADSUM – Formazione d’Eccellenza

Manager dello sviluppo territoriale: una figura emergente

Condividi il post

manager dello sviluppo territoriale una figura emergente

Il manager dello sviluppo territoriale è una figura professionale emergente, poco nota a molti.

Vediamo in questo articolo di spiegare che cosa fa questo professionista e che tipo di percorso di studi è richiesto.
*********

*********

 

Che cos’è il manager dello sviluppo territoriale?

Il titolo professionale di manager dello sviluppo territoriale è composto da tre parole: manager, sviluppo, territorio; per spiegare in che cosa consiste tale professione vale la pena approfondire questi tre concetti:

Manager: un manager è un coordinatore, un team leader, una figura in grado di mettere in moto processi, di individuare soluzioni, di seguire una visione, di coordinare persone e di raggiungere degli obiettivi.

 

Un manager non solo possiede competenze tecniche nell’ambito in cui lavora, ma anche soft skills che gli permettono di collaborare, indirizzare e guidare il suo team. In particolare, un manager dello sviluppo territoriale si trova a coordinare diverse persone, professionisti, enti e organismi che contribuiscono allo sviluppo di un territorio.

 

Sviluppo: la parola sviluppo può avere differenti connotazioni a seconda del momento storico e del Paese in cui ci si trova.

 

In particolare, nel caso dell’Italia, con sviluppo possiamo intendere la ricerca di una realtà in cui economia, persone e natura si fondono armonicamente. Si tratta quindi di ragionare in ottica di valorizzazione della ricchezza e delle opportunità economiche del Paese, coesione della comunità e benessere delle persone, sostentamento, sostenibilità sociale e ambientale.

Il termine sviluppo va quindi oltre l’idea meramente economica e numerica basata sul PIL o su altri indicatori macroeconomici. Per un manager dello sviluppo territoriale la parola “sviluppo” diventa sinonimo di innovazione sostenibile che segue un processo condiviso e comunitario.

 

Territorio: con territorio si può intendere un’area più o meno estesa. Indipendentemente dalla sua grandezza, ciò che è importante è la visione globale e l’impatto che le azioni su un territorio possono avere a livello più ampio, in certi casi addirittura a livello nazionale o internazionale.

 

Un manager dello sviluppo territoriale non deve avere una visione limitata e chiusa, ma deve essere consapevole dell’effetto che ogni processo e azione, anche se piccola, può avere nella sua globalità.

Si tratta di una figura radicata sul territorio e cosmopolita allo stesso tempo. Inoltre, questo professionista si fa ispirare da modelli universali, riuscendo ad adattarli ad aree locali.

Per riassumere e racchiudere i tre concetti, un manager dello sviluppo territoriale progetta, organizza ed analizza azioni specifiche su un territorio, su una città o una regione; promuove il lavoro e la collaborazione tra le diverse realtà presenti con l’obiettivo di valorizzare la comunità.

 

manager dello sviluppo territoriale una figura emergente

 

Come diventare manager dello sviluppo territoriale?

Per diventare manager dello sviluppo territoriale è necessario conseguire delle competenze specifiche e attestarle da un Master, come ad esempio quello erogato da Adsum in  Management dello sviluppo territoriale: innovazione, futuro, produttività, rigenerazione e benessere.

Per accedervi è necessario possedere un diploma di laurea triennale o di laurea specialistica in materie economiche, umanistiche e architettoniche.

Oppure essere un funzionario della Pubblica Amministrazione o altro professionista, che abbiano già acquisito una esperienza lavorativa e che desiderano acquisire ulteriori competenze in progettazione e management dello sviluppo e dell’innovazione del territorio.

Il Master in Management dello sviluppo territoriale permetterà di formare professionisti in grado di:

  • Lavorare su un territorio specifico e favorire il processo di sviluppo locale in ambito socio-politico ed economico;
  • Gestire risorse tecnologiche, legali, finanziarie, umane;
  • Essere un punto di riferimento per il territorio in grado di percepire e rispondere a cambiamenti ed esigenze;
  • Promuovere tutte le opportunità di un territorio puntando sulle sue peculiarità;
  • Creare consenso nei confronti delle attività di sviluppo intraprese.

button master adsumQuesto profilo professionale può operare presso enti e organizzazioni pubbliche e private, come Regioni, Province, Comuni, Consorzi, Aziende Sanitarie Locali, Camere di Commercio, Associazioni di categoria, sindacati, Associazioni No profit, centri di ricerca e Organismi del Terzo Settore.

Si tratta di una figura professionale che può lavorare come consulente autonomo o come regolare dipendente.

Oggi c’è sicuramente maggior consapevolezza dell’importanza di questa figura professionale, a conferma di questo sono anche i diversi concorsi che banditi in alcune regioni e in cui specificatamente è ricercata questa figura.

Il manager dello sviluppo locale si inserisce in un settore quanto mai attuale che è quello dell’innovazione.

Per tale motivo l’importanza di questo professionista verrà sempre più compresa e ricercata, rendendo questa carriera lavorativa un percorso estremamente interessante per chi vorrà ambire, e soprattutto contribuire, ad un miglioramento globale in un territorio.

 

Con Pass Laureati 2022, la misura di sostegno erogata dalla Regione Puglia, è possibile finanziare tutti i Master post lauream di Adsum.

Siamo a disposizione per supportarti durante tutto l’iter di partecipazione al bando, dalla presentazione alla rendicontazione.

Contattaci qui per saperne di più.

 

 

qr manager dello sviluppo territorialeuna figura emergente

Documento protetto e notarizzato su blockchain con AUTENTIKO©

Post Info :
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Popolari

Potrebbe interessarti anche